Sowen C.S.S.A.

Milano

Associazione Medica Per lo Studio dell'Agopuntura

L'Aquila

 

 

 

Titolo: Iperidrosi diffusa: 2 casi, 2 differenti terapie

 

Autori: Gabriella Favale, Carlo Di Stanislao

 

" Quella volta Montalbano, dio di quarta categoria, sapeva di aver fatto centro".

Andrea Camilleri, 1993

 

Premessa

La cute, oltre che luogo di formazione psicologica1 che, dall'infanzia, matura la separazione fra il sé (spirito Po2) ed il non sé, costituisce un tramite privilegiato per manifestare disagi interiori i quali, attraverso ruoli comunicativi, possono giustificare espressioni le più diverse (orticaria, lichen, prurito essenziale, ecc.) 3. Sistema di comunicazione per eccellenza la cute è governata dal Luo Longitudinale (bie luo) dello Zu Tai Yang (Xiao Chang Jing), che parte dal punto SI7 (zizheng)4 e che, nelle psicodermatosi, svolge ruoli più incisi d'altri punti attivi in campo dermatologico (BL40, LI4-11, TE6, LU9, ecc.)5 6.Va notato che, nell'esperienza di molti dermatologi, le dermopatie psicosomatiche insistono più nei pazienti ansiosi con lieve stato depressivo, che nelle condizioni psicotiche7. Poiché l'agopuntura sembra efficace nelle somatizzazioni d'ansia, sarebbe sempre giustificato un suo impiego nelle conversioni dermatologiche di tipo ansioso-depressivo8 9

Venendo all'iperidrosi, essa può essere localizzata o diffusa. Le forme diffuse possono essere legate ad ipertiroidismo, diabete mellito, obesità, menopausa, fatti irritativi del sistema nervoso centrale (soprattutto area ipotalamica), malattie infettive ad andamento cronico (tubercolosi, brucellosi, ecc.)10. Esistono forme localizzate piuttosto particolari come la sindrome di Frey o iperidrosi malare per turbe dell'innervazione autonomica ghiandolare, tipica del diabete scompensato e degli interventi a livello della loggia parotidea, ma per lo più, le forme localizzate distrettuali (mani, piedi ed ascelle) sono su base emotiva11 (relazione con lo Xue e con lo Shen). L'iperidrosi favorisce il lichen ruber cristallino, i fatti batterici e/o micotici, le macerazioni e, nelle aree apocrine (ascelle, regione inguinocrurale) la comparsa di bromidrosi8 9. L'impiego di anticolinergici ed ansiolitici e, a volte, di indometacina può essere risolutivo. Gli antistraspiranti locali (idrossido d'alluminio, formalina all'1%, Agarico del Larice, ecc.) non sempre sono efficaci e possono favorire la comparsa (in sede apocrina) di fatti idrosadenitici anche gravi, ascessualizzati e fistolizzanti. In casi molto gravi è necessario un intervento (detto a Z) d'eliminazione del comparto ghiandolare, mentre attualmente proposta, anche, la tossina botulinica, per la sua capacità di blocco colinergico locale persistente12.

In Medicina Tradizionale Cinese (MTC) il sudore (han) è inserito (con le lacrime, la pituita e la saliva) fra i Liquidi Chiari (Jin), che veicolano Energia Difensiva (Weiqi), verso la cute ed i muscoli13 14. I Liquidi sono prodotti dal TR-Medio, circolano velocemente in superficie assieme all'Energia Difensiva, sono sotto il controllo del Polmone (che li raffredda, abbassa, distribuisce e purifica) e del TR-Superiore (che li atomizza e li fa circolare)15. Tutti i Liquidi sono sotto il controllo del Qi di Milza, Reni, Polmone e Triplice Riscaldatore (Ling Shu cap. 3616), inoltre gli Jin sono controllati prevalentemente dal Grosso Intestino17.Il Ling Shu al cap. 8118 afferma: "Se i Liquidi Organici sono in armonia, diventano rossi e sono trasformati in Sangue". I Liquidi, quindi, sono una riserva di Sangue e sono in rapporto dinamico con lo Xue. Un Vuoto di Sangue produce Vuoto dei Liquidi, mentre una perdita di Liquidi (ad esempio per traspirazione incessante), produce, dapprima vuoto di Weiqi, poi di Yangqi, poi di Sangue ed infine di Yin e di Jing. Definito "succo del Cuore", il sudore risente della fisiologia del Triplice Riscaldatore, del Polmone, del Grosso Intestino, della Vescica e del Rene, ma principalmente dello stato di Xin e di quello dello Shen19 20. Durante l'interrogatorio classico (wenzhen) si pongono sempre domande sul tipo di traspirazione21 22. Gli elementi essenziali sono riportati nella sottostante tabella.
 

Sintomo

Significato Energetico

Sudorazione incessante

Vuoto di Weiqi o di Yang

Sudorazione notturna

Vuoto di Yin

Sudorazione profusa con febbre

Aggressione Esterna di Calore

Sudorazione incessante con stato di shock

Forma preagonica (detta tuo han)

Sudorazione del collo con febbre e brividi

Aggressione del Livello Shao Yang

Sudorazione alle tempie nei vecchi

Vuoto d'Energia e Sangue

Sudorazione di una parte del corpo (come in corso di emiplegia o turbe neurologiche)

Disarmonia o blocco degli Jing-Luo

Sudorazione, oliguria, sensazione di corpo pesante

Calore-Umidità al TR-Medio.


 

Il più ampio e dettagliato studio italiano23, distingue forme da Vuoto (xu). e da Pienezza (shi).

 

Sindrome

Sintomatologia

Trattamento Agopunturistico

1.      Aggressione da Vento

Cefalea, febbre, avversione per il vento, sudorazione profusa alle spalle, alla testa ed al collo, lingua con induito sottile, polso superficiale

BL12, TE5, SP6, LU7

2.      Aggressione da Calore

Febbre elevata, profusa sudorazione diffusa, desiderio di bere, occhi rossi, agitazione. Lingua arrossata e secca, polso superficiale e rapido.

LI4-11, GV14, SP10, H7

3.      Deficit di Qi (Cuore e/o Polmone)

Traspirazione diurna e da sforzo, palpitazioni, tosse, voce flebile, ipotensione. Lingua pallida, polso debole, molle.

13-15BL, 6-12-14CV, 36ST, 7-9H.

4.      Deficit di Yang (Rene e/o Cuore)

Traspirazione diurna con sensazione di freddo, astenia  fisica, pallore, urine abbondanti e chiare, desiderio di bevande calde. Polso lento, piccolo e profondo, lingua gonfia, umida.

Moxe su BL23-15, KI3-7, H7, 1-4GV.

Deficit di Yin (Rene, Cuore, Polmone)

Sudorazione notturna con sensazione di calore, insonnia, astenia psichica, desiderio di bevande e cibi freschi, calore ai "Cinque Centri", palpitazioni frequenti. Lingua rossa con scarso induito, polso fine e rapido.

CV4, BL17, SP6, LU1-6, KI3-6.

 

Mentre esistono casistiche anche ampie sul trattamento agopunturistico di varie dermopatie (dermatite atopica, eczema, lichen, prurito essenziale, acne, orticaria) 24, non sono numerose le segnalazioni sull'efficacia dell'agopuntura in corso d'iperidrosi. Questo dato va reso comprensibile al paziente e segnalato in modo inequivocabile sul consenso informato25 Va inoltre ricordato che, sotto il profilo dietologico, l'eccessiva traspirazione si combatte con i sapori acido, allappante e salato ed eliminando l'eccesso di piccante che, invece, è diaforetico26. Gli alcolici, il fumo, gli alimenti grassi aggravano la condizione27. Inoltre la continua traspirazione, oltre a vuotare la Weiqi, determina accumulo di Umidità alla pelle con sviluppo di bolle, vescicole, pustole, ecc.

Per quanto attiene agli schemi agopunturistici di trattamento, questi s'inseriscono fra le cosiddette "formule astringenti"28. Si definiscono astringenti le formule classiche atte a conservare l'Energia, i Liquidi ed il Jing. Le principali formule astringenti controllano le "traspirazioni incessanti" (zhi han), le "traspirazioni notturne" (dao han) e l'enuresi (yi niao)29 30.  Le due formule per la traspirazione (zhi han fang e dao han fang) sono desunte dallo  Shan Jiu Jing Lun (Trattato sulla Moxibustione Meravigliosa), scritto da Wu Yi Ding nel 1851.

In entrambi i casi si usano aghi, non manipolati e lasciati in sede per 20-30 minuti. Nel caso del punto KI7 si usa la moxa per attivare lo Yang.

Esaminiamo, mediante tavole sinottiche, le due formule, tenendo presente che, a partire dal Sowen cap. 74[31], ogni formula d'agopuntura (zhen jiu fang) si compone di32:

·        Un punto principale detto jun (imperatore)

·        Un punto detto chen (ministro) che aiuta l'imperatore

·        Un punto che sostiene il ministro detto zuo (assistente).,

·        Un punto (che a volte manca) che mitiga o indirizza l'azione, detto shi (servitore).

 

 

1. Traspirazione spontanea (Vuoto di Qi o Yang)

Sigla del Punto

Nome 33 34

Spiegazione 35 36

GV 14

Dazhui

Rinforza lo Yang, libera la superficie, chiude i pori (punto imperatore-jun- della formula).

KI7

Fuliu

In moxa rinforza lo Yang, regolarizza la sudorificazione (punto ministro-chen- delle formula).

BL43

Gaohuang

Rinforza l'Energia ed il Sangue, tratta tutti i deficit (punto assistente-zuo- della formula.

 

 

2. Traspirazione notturna (Vuoto di Yin)

Sigla del Punto

Nome  37 38

Spiegazione 39 40

BL13

Feishu

Rinforza lo Yin del Polmone e consolida lo Strato (fen) Ying e Wei (punto imperatore-jun-).

KI7

Fuliu

Con aghi tonifica lo Yin dei Reni (radice Yin del Corpo) regolarizza la sudorificazione (punto ministro-chen- delle formula).

BL45

Yixi

Sostiene l'Energia e lo Yin, aiuta BL13 a rinforzare Ying e Weifen. (punto assistente-zuo-).

 

Naturalmente gli schemi sovraesposti e le formule riportate valgono solo in senso generale.

In molti casi l'iperidrosi si deve ad uno squilibrio Yin/Yang non inquadrabile nella ragione degli Zang/Fu, ma legati, ad esempio, ai Meridiani Curiosi.  Soprattutto il Du Mai, il Dai Mai lo Yang Qiao e lo Yang Wei Mai possono provocare iperidrosi generalizzate41.

 

Caso clinico - 1 -

S.S., giovane donna di 27 anni soffre da 13 di iperidrosi diffusa, calda, con odore aspro, iniziata in concomitanza con il  passaggio dalle scuole medie inferiori alle superiori.

L’iperidrosi diffusa si associava a tachicardia e palpitazioni nei rapporti con gli altri.

Assenza di sudore di notte, balbuzie a 4-5 anni come il fratello, cefalee frontali con nausea e vomito; molto complessata, infantile, nasconde le caratteristiche femminili, in psicoterapia da 5 anni. Ha subito abusi sessuali, come la sorella maggiore, dal nonno paterno.

Durante la terapia con agopuntura comincia a mostrare la sua femminilità indossando  gonne e scarpe coi tacchi. In seguito si fidanza e va a vivere da sola. In un secondo tempo convive con il ragazzo e si fa maggiormente valere al lavoro.

In questo periodo l’iperidrosi si riduce gradualmente fino alla completa scomparsa.

La paziente ha più volte affermato di non sentire più alcuna sensazione di forte pressione a livello genitale.

 

Terapia

Per le prime 3-4 sedute terapia con Chong Mai non ottenendo risultato significativi.

Dopo una terapia di una decina di sedute con 23GB, 4KI, 25GB che riduce fino a far scomparire l’iperidrosi, maggior sicurezza e tranquillità nei rapporti con gli altri e scomparsa della sensazione di pressione a livello genitale che lei associava alla violenza subita. Riteniamo che i due punti Mu abbiano favorito la nascita (25GB) e l’esteriorizzazione dello Yang (23GB), quindi dell’Energia Wei capace di chiudere i culi. Invece il punto 4KI (come Luo) ha dato solidità (azione sul Rene e lo Zhi) e migliorato i rapporti interpersonali (attraverso la pelle)42 43.

 

Caso clinico - 2 -

Ragazza di 26 anni si presenta con sudorazione profusa al viso, in particolare al naso, mani e piedi. Si presenta molto prostrata, con occhi tristi, opachi in quanto carente di Yang.

Sente molto freddo soprattutto dopo aver mangiato. Preferisce cibo caldo. Soffre di cefalea frontale. Preferisce avere l’addome stretto in quanto presenta una situazione di vuoto a livello del Riscaldatore Inferiore dove non nasce lo Yang.

Ha inoltre difficoltà di concentrazione che indica una riduzione dello Yang puro di milza.

La paziente, mentre continua ad asciugarsi il viso con il fazzoletto completamente bagnato, dice che questo problema è iniziato in seguito ad un trauma. Il freddo durante un rapporto sessuale con il partner è stato interiorizzato e viene sempre ricordato sentendosi in colpa.

Non ha avuto la forza di reagire ed espellere il freddo perverso che si è via via trasformato in calore perverso.

Viene utilizzato il punto 30St per la nascita dello Yang, è un punto psichico, è il punto che tratta il sangue in vuoto, per la sudorazione diffusa. Appena messo gli aghi, la paziente ha iniziato ad aumentare la respirazione affermando che “sta buttando fuori il freddo negativo”, ha interrotto la sudorazione del naso, del viso e dei piedi illuminando il volto.

Durante le seguenti sedute è stata ripetuta la medesima terapia, ottenendo la risoluzione dell’iperidrosi44.


 

Bibliografia

[1] Panconesi E.: Lo stress, le emozioni, la cute, Ed. Masson, Milano, 1989.

[2] Corradin M., Di Stanislao C. (a cura di): Lo Psichismo in Medicina Energetica, d. AMSA, L'Aquila, 1995.

[3] Serri R. (a cura di): Trattato di Dermatologia, voll I-IV, Ed. Piccin, Padova, 1987.

[4] Kespì J.M.: Acupuncture, Ed. Maissonneuve, Moulin-les-Metz, 1982.

[5] Morandotti R., Viggiani B., Nati G.: I Punti di Agopuntura, Programma MS-DOS, Ed. SIA, Milano, 1998.

[6] Di Stanislao C.: Appendice agopunturistica, in Manuale di Dermatologia in MTC di De-hui S., Xiu-fen R. Wang N., Ed. CEA, Milano, 1997.

[7] Hautmann G., Panconesi E.: Terapia Psicofarmacologica in Dermatologia, in Dermofarmacologia,  a cura di Finzi A. e Marinovich M., Ed. UTET, Torino, 1998.

[8] Brotzu R., Galluzzo E., Navarra M., Simongini E., Di Stanislao C.: Risultati di uno studio su tre gruppi di pazienti con sindrome depressiva, trattati con Agopuntura, Imipramina ed estratto di Hypercum perforatum, http\\: www.gopuntura.org/SIA/Contributi a Congressi Internazionali, 1999.

 

[9] AAVV: Libro Bianco sull'Agopuntura e le altre Metodiche Terapeutiche Estremo-Orientali, Ed. SIA/CEA, Milano, 2.000.

[10] Ribuffo A.: Manuale di Dermatologia e Venereologia, Ed. Lombardo, Roma, 1990.

[11] Binazzi M.: Manuale di Dermatologia e Venereologia, Ed. Esculapio,  Bologna,  1990

 

[12] Schinider P., Binder M., Kittler H. et al.: Un trial rondomizzato in doppio cieco controllato con placebo, sull'impiego della tossina botulinica A nell'iperidrosi ascellare grave, Dermatology, Ed. It., 2.000, 3 (1): 20.

[13] Ross J. Zang Fu. The Organ System in TCM, Ed. Churchill-Livingstone, Edimburgh, 1983.

[14] De Berardinis D., Di Stanislao C., Corradin M., Brotzu R.: Organi e Visceri in Medicina Cinese, Ed. Sanli/Bimar, Roma, 1992.

[15] Bottalo F., Brotzu R.: I Fondamenti della Medicina Tradizionale Cinese, Ed. Xenia, Milano, 1999.

[16] Wong M.: Ling Shu, Ed. Masson, Paris, 1987.

[17] Corradin M., Di Stanislao C., Parini M. et al.: Medicina Cinese Applicata al Massaggio Shiatsu e Tuina, Ed. CEA, in press.

[18] Nguyen V.N. et al.: Huang Di Nei Jing Lingshu, Voll III-IV, Ed. NVN, Marseille, 1999.

[19] Auteroche B., Navailh P.: La Diagnostic en Médicine Chinoise, Ed. Maloine, Paris, 1983.

[20] Lin L.: Diagnosis and treatment of Skin Diseases in TCM, Hai Feng Publishing House, Hong Kong, 1995

[21] Nguyen V.N.: Quatre élément de diagnostic en Médicine Traditionnelle Chinoise, Rev. Fr. de Med. Chin., 1983, 98: 185-220.

[22] Caspani F., Corbellini C., De Giacomo E.: Wen Zhen: Interrogatorio del paziente in MTC, Riv. It. D'Agopunt., 1993, 77: 11-30

[23] Pippa L.: Le Iperidrosi: Interpretazione in MTC, Riv. It. D'Agopunt., 1990, 67: 21-37.

[24] Di Stanislao C., Nibid A., Bologna M.: Esperienze nel trattamento agopunturistico di varie dermopatie, Sillabo Medico, 1997, 0: 4-8.

[25] Genovese U., Favale G.: L'Agopuntura: Aspetti peculiari e problematiche Medico-Legali, Riv. It. D'Agopunt., 2.000, 97: 15-23.

[26] Bologna M., Di Stanislao C., Corradin M. et al.: Dietetica Medica Scientifica e Tradizionale, Ed. CEA, Milano, 1999.

[27] Martucci C.: Dietetica e dermatologia, Riv. It. D'Agopunt., 1991, 70: 11-28

[28] Ross J.: Points Combinations, Ed. Churchill-Livingstone, Edimburgh, 1996.

[29] De Giacomo E.: Formule magistrali: le formule astringenti, Rivista Italiana di Medicina Tradizionale Cinese, 1999, 77 (3): 11-13.

[30] Floreas I.: Acupunture treatment of enuresis in childrens with handicap, Acupuncucture in Medicine, 1999, 17(2): 81-86.

 

[31] Maoshin N.I.: The Yellow Empeor's Classic of Medicine, Ed. Shamballa, London-New York, 1995.

[32] Zhanxi W., Huanling L et Auteroche B.: Neike Zhenjiu Peixue Xinbian,  Ed. Kexue Jishu Wenxian Chubanshe, Beijing, 1993.

[33] Hempen C.H.: Atlante di Agopuntura (ed. it. a cura di Roberto Gatto & Carlo Di Stanislao), Ed. Hoepli, Milano, 1999.

[34] Solinas H., Auteroche B.: Mainville L.: Atlas of Acupuncture. Meriadians and Collaterals, Ed. SATAS, Bruxelles, 1999.

[35] Deadman P., Al-Khafaji M. and Baker K.: Manuale di Agopuntura, (curatori della edizione Grazia Rotolo e Giulio Picozzi), Casa Editrice Ambrosiana, Milano, 2.000

 

[36] Cotè B., De Villadorata M.: Acupuncture en médicine clinique, Ed. Seca-Nasson, Toronto-Paris, 1989.

[37] Hempen C.H.: Atlante di Agopuntura (ed. it. a cura di Roberto Gatto & Carlo Di Stanislao), Ed. Hoepli, Milano, 1999.

[38] Solinas H., Auteroche B.: Mainville L.: Atlas of Acupuncture. Meriadians and Collaterals, Ed. SATAS, Bruxelles, 1999.

[39] Deadman P., Al-Khafaji M. and Baker K.: Manuale di Agopuntura, (curatori della edizione Grazia Rotolo e Giulio Picozzi), Casa Editrice Ambrosiana, Milano, 2.000

 

[40] Marcelli S.: L'Agopuntura in tasca, Ed. Ispsa, Palermo, 1995.

[41] Rozeg J.: Voisseaux Merveilleuses, Ed. Masson, Paris, 1983.

[42] Perrey F. Les points, plycopie, Ed. AFA, Paris, 1988

[43] Kespì J.M.: Cliniques, Ed. Guy Trèdaniel, Paris, 1989.

[44] A.M.S.A. Dispense di Agopuntura Tradizionale, Ed. Scuola Italo-Cinese di Agopuntura, Roma, 1999.